Accoltellamento di un assistente sociale

Accoltellamento di un assistente sociale, Bini (Ordine della Toscana), ‘si è sfiorata la tragedia, ora basta, la misura è colma, serve una effettiva protezione’.

Firenze, 5 ottobre 2018. “Anche oggi un collega assistente sociale ha rischiato di perdere la vita dopo essere stato accoltellato da un utente dei servizi sociali. E’ accaduto presso la sede distaccata del Centro di assistenza sociale a Gavinana (Firenze) quando un anziano si è introdotto all’interno dell’edificio e si è diretto verso il collega che ha ferito con un’arma da taglio. Si tratta di un episodio gravissimo che solo per il pronto intervento dei colleghi non ha avuto un tragico esito”.

Così Laura Bini, Presidente del Consiglio regionale della Toscana dell’Ordine degli assistenti sociali

“Va denunciata senza indugio – dice ancora - la gravissima situazione in cui si trovano ad operare gli assistenti sociali verso cui si scaricano tensioni e frustrazioni dell’utenza. Ancora una volta appare chiaro che le Amministrazioni non hanno piena contezza dei rischi che corrono i professionisti assistenti sociali. E’ ora di dire basta. La misura è colma. Servono interventi strutturali immediati e mirati a garantire le condizioni minime di sicurezza”.

“Nessuno può permettersi di dire: non sapevo - prosegue Bini. Da anni l’Ordine degli assistenti sociali della Toscana denuncia la situazione di insicurezza cui si trovano a operare gli assistenti sociali. Lo si è fatto diffondendo anche recentemente i dati di una ricerca nazionale – di cui la Toscana è specchio fedele - che evidenza come le aggressioni a questa categoria siano drammaticamente in aumento in tutta Italia.”

“I dati parlano chiaro: nel corso della propria esperienza professionale solo poco più di un assistente sociale su dieci (11,8%) non ha mai ricevuto minacce, intimidazioni o aggressioni verbali. Tre professionisti su venti (il 15,4%) hanno subito una qualche forma di aggressione fisica; l’88,2% è stato, dunque, oggetto di violenza verbale, mentre il 61%  ha assistito ad episodi di violenza verbale contro i colleghi. Ed ancora: l’11,2% ha subito danni a beni o proprietà addebitabili all’esercizio della professione; il 35,8% ha temuto per la propria incolumità o quella di un familiare a causa del lavoro”, conclude la Presidente degli assistenti sociali toscani.

categoria: