Voucher formativi per giovani professionisti - Nuovo avviso amplia i beneficiari

Un nuovo avviso, pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana di mercoledì 6 settembre, amplia la platea dei giovani professionisti intellettuali che possono usufruire delle agevolazioni che la Regione, attraverso il Fondo sociale europeo,  mette a disposizione per la crescita e l’aggiornamento professionale dei giovani iscritti agli albi professionali di ordini e collegi e di coloro che esercitano professioni non regolamentate.

Il bando, che rientra nell’attività del progetto regionale per l’autonomia dei giovani, Giovanisì, dispone di risorse complessive per oltre 900 mila euro, ha scadenza trimestrale fino ad esaurimento delle risorse. La prima scadenza entro cui consegnare le domande è il prossimo 30 settembre.

La Regione Toscana, già con un precedente bando, aveva previsto interventi a favore del settore. Oggi le novità introdotte nell’avviso uscito nei giorni scorsi puntano ad allargare le maglie per l’accesso al contributo.

Il finanziamento avviene sotto forma di voucher individuali, per la copertura, totale o parziale, delle spese per corsi di formazione e aggiornamento professionale, master di primo e secondo livello e, da quest’anno, anche dell’ultima annualità delle scuole di specializzazione riconosciute dal Miur.

Il contributo concesso, innalzato rispetto al precedente bando, può variare da un minimo di 200 ad un massimo di 3 mila euro. Possono presentare domanda giovani lavoratori autonomi di tipo intellettuale residenti o domiciliati in Toscana, che non abbiano compiuto i 40 anni di età, iscritti ad albi di collegi, ordini e associazioni professionali riconosciute legalmente o iscritti alla gestione separata dell’Inps.
Una ulteriore novità è la possibilità di usufruire di due voucher nel periodo di validità dell’avviso, a condizione che la domanda sia presentata su scadenze diverse e che il primo voucher sia riferito ad un percorso concluso con esito positivo.
Questa nuova opportunità è anche frutto della positiva collaborazione con i membri della  commissione  Regionale dei soggetti Professionali istituita dalla Regione.

Potranno partecipare anche i liberi professionisti al bando finanziato dal POR FESR 2014-2020 per agevolare la nascita di nuove imprese giovanili, femminili e di destinatari di ammortizzatori sociali nei settori manifatturiero, commercio turismo e terziario. L’agevolazione è concessa nella forma di microcredito e la dotazione finanziaria iniziale è pari a circa 16 milioni di euro. La misura rientra nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Sono ammesse le seguenti spese: per investimenti (beni materiali come impianti, macchinari, attrezzature e altri beni funzionali all’attività di impresa, opere murarie connesse all’investimento; beni immateriali come brevetti, licenze, know how o altre forme di proprietà intellettuale) e per capitale circolante (nella misura del 30% del programma di investimento ammesso: spese di costituzione, spese generali, scorte).

Inoltre saranno prestati a favore dei soggetti beneficiari i seguenti servizi di assistenza e monitoraggio cosiddetti di “tutoraggio”, tipici dell’accompagnamento nel microcredito: supporto alla definizione della strategia di sviluppo del progetto finanziato e all’analisi di soluzioni per il miglioramento dello svolgimento dell’attività nonchè all’individuazione e diagnosi di eventuali criticità dell’implementazione del progetto finanziato.

Il bando, disponibile su Toscana Muove, dettaglia le modalità di presentazione delle domande e la modalità di concessione ed erogazione del microcredito.

La domanda dovrà essere inoltrata a Toscana Muove esclusivamente online a partire dal prossimo 18 settembre.

Vai alla pagina dedicata sul sito di Giovanisì

categoria: